sabato 7 marzo 2015

Donne (alle donne che lottano e che resistono...)

Un mondo corrotto
insensibile alle foglie

Illuso
dalla sua stessa agonia

Incastrato di menzogne
volgare nella luce
e nel buio

Nel nulla di uomini
sconfitti
nel loro vuoto pensiero

Ma tu insisti
a raccontare parole
a tratteggiare arcobaleni

A ridere e sorridere
all'inumano che avanza
che ti vuole sempre in ginocchio

Grattalo via
in questo bordello
di anime perse
alla follia umana

Nessun commento:

Posta un commento