venerdì 20 marzo 2015

L'impero


Ho pianto per Baghdad,
cattolica e musulmana,
ora invasa e depredata
da crociati invasati.
E le lacrime scendevano
lentamente.

Ho pianto per la Libia
sovrana e laica
ora preda di macellai senza cuore
né anima.
E le lacrime accompagnavano
il dolore.

Ho pianto per la Palestina
terra di Pace e Poesia,
per l'orgoglio di donne e uomini
costretti a vivere in lager
a cielo aperto.
E le lacrime non uscivano più,
tanta era la rabbia addosso.

Nel cumulo di sciocchezze
urla,
ipocrisie,
complicità,
si leva il canto del Poeta.

Ed è un canto triste,
di cinguettii smorzati,
di ulivi sradicati
dalla terra natia.

Di grida,
di chi era
e non è più.
Bansky a Gaza

Nessun commento:

Posta un commento